FORUM FINALE A ROMA DEL PROGETTO “CITTADINI EUROPEI SI DIVENTA”

Presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Roma Tre il 9 dicembre si è svolto il FORUM  “Diventare cittadini europei attivi”. Tale iniziativa di dibattito ha visto coinvolte numerose organizzazioni italiane della società civile, che durante il 2013 hanno promosso insieme diverse attività ed approvato proposte in forma di “Alleanza italiana per l’Anno europeo dei cittadini 2013” (EYCA – IT).

L’evento che ha rappresentato anche l’atto conclusivo della Campagna di comunicazione nazionale sull’iniziativa dei cittadini europei (ICE) “Cittadini europei si diventa”, progetto realizzato dal CIME e promosso da Commissione europea, Parlamento europeo e Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è’ stata però anche l’occasione per presentare il “documento finale di proposta ed azione” elaborato da 7 diversi gruppi di lavoro, e che contiene al proprio interno ben 39 precise sollecitazioni.da implementare nel breve, medio e lungo periodo; sia da parte delle istituzioni europee, sia da parte di quelle italiane, per far si che la cittadinanza europea divenga un valore concreto e fruibile.

Si sono poi anche tenuti dei workshop di approfondimento su temi quali: lo strumento dell’iniziativa europea dei cittadini (ICE), i nuovi programmi europei di finanziamento per la cittadinanza attiva 2014-2020 (Europa per i cittadini ed Erasmus +), ed il futuro della democrazia europea.

In particolare durante il workshop sull’ICE, che ha visto riuniti rappresentanti, sia di ICE scadute, che in corso, nonché in procinto di essere presentate, si è sviluppato un utile scambio di esperienze e best practice che hanno analizzato i punti di forza e debolezza dello strumento, in attesa della prima proposta normativa della Commissione, basata su una delle ICE che hanno già raggiunto il numero sufficiente di firme.

Nel pomeriggio una tavola rotonda con esponenti di amministrazioni europee e nazionali oltre che di varie organizzazioni ha concluso i lavori seguiti da circa 100 partecipanti.

Il Presidente del CIME, Pier Virgilio Dastoli, in qualità di uno dei portavoce di EYCA in Italia, sempre la mattina di lunedì 9 dicembre, è anche intervenuto durante l’evento diretto agli studenti delle scuole superiori presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, alla presentazione dei risultati delle iniziative sulla cittadinanza europea promosse dal Dipartimento Politiche europee, nel corso del 2013, A tale iniziativa hanno partecipato anche il Ministro per gli Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi, il Ministro per l'Integrazione, Cécile Kyenge e il sottosegretario all’Istruzione, Università e Ricerca, Gian Luca Galletti.

Il Segretario generale aggiunto del CIME, Stefano Milia, è stato poi tra i delegati che hanno rappresentato la società civile italiana a Vilnius il 12 e 13 dicembre nella conferenza finale di chiusura dell’Anno europeo 2013. Un evento che ha visto confrontarsi più di tre 300 partecipanti su una grande varietà di temi relativi alla cittadinanza europea e la democrazia partecipativa. Egli ha potuto così portare in questa sede anche i primi risultati della campagna italiana di informazione sull’ICE.
 I lavori, a cui si è voluto dare il significativo titolo ”Come fare in modo che ogni anno sia un anno dei cittadini” si sono svolti presso la sede del Parlamento lituano (SEIMAS) ed hanno visto sia la Commissione europea che il Governo lituano (presidente di turno del Consiglio UE) rappresentati ad altissimi livelli.
Tra le principali decisioni che sono state prese vi è quella che l’attività di EYCA è destinata a continuare anche durante il 2014, specialmente per monitorare l’implementazione delle proposte elaborate durante l’anno e poi consegnate ufficialmente proprio a Vilnius alle istituzioni europee, in cui tra l’atro si chiede anche una migliore applicazione proprio dell’art. 11 del Trattato di Lisbona, ma anche per evidenziare il legame esistente tra cittadinanza attiva europea e la partecipazione alle prossime elezioni europee.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna